Alla scoperta della Galleria Vittorio Emanuele II a Milano

La galleria Vittorio Emanuele II è una galleria commerciale di Milano che collega piazza Duomo a piazza della Scala. Per la presenza di eleganti negozi e locali, fin dalla sua inaugurazione fu soprannominata il “salotto di Milano“. Chiamata semplicemente “la Galleria” dai milanesi, viene spesso considerata come uno dei primi esempi di centro commerciale al mondo. La galleria ha 4 accessi essendo a forma di croce. A metà galleria una cupola in ferro e vetro spettacolare alta quasi 50 metri, come un palazzo a 16 piani! Il povero architetto che la costruì (Giuseppe Mengoni) cadde giù proprio da lassù il giorno dell’inaugurazione e morì sul colpo! Si narra, ma forse è leggenda, che non cadde casualmente, ma che si buttò di proposito perché deluso dalla mancata presenza del Re Vittorio Emanuele II il giorno dell’inaugurazione!

Galleria Vittorio Emanuele II Galleria Vittorio Emanuele II Galleria Vittorio Emanuele II Galleria Vittorio Emanuele II

In realtà il Re, che abitava a Napoli e che stava molto male, non poté avvisare Mengoni. Alla costruzione lavorarono più di 1000 operai al giorno! Sul pavimento in marmo troverete un toro, simbolo della città di Torino. un’altra leggenda narra che se riuscite a fare tre giri con il corpo tenendo solo il piede destro (il tallone in realtà) sulle “palle” del toro, vi porterà fortuna! Durante la Seconda Guerra Mondiale le bombe distrussero gran parte della Galleria che vanne poi ricostruita. Oggi è inoltre possibile ammirare Milano dall’alto salendo sul tetto della Galleria, dove è stata aperta la Highline Galleria. Il camminamento ha una lunghezza di ben 250 metri lineari e una superficie di 550 mq, con alcune baie che ospitano un museo legato alla storia di Milano nel periodo in cui fu costruita la Galleria, la cui cupola ispirò la Tour Eiffel del 1889 e il Palazzo di Cristallo di Londra del 1851. Da piazza Duomo non dimenticatevi di ammirare dall’esterno l’arco trionfale! Durante le feste la Galleria si illumina a festa sia la cupola sia l’albero sotto di essa che viene allestito in modo diverso ogni anno.

Potete trovare maggiori informazioni sull’Italia leggendo i Diari di Viaggio pubblicati su Surus!

Rispondi